TRENDS  

Visualizzazioni oggi:387
Visualizzazioni ieri:313
Questo mese:8448
Mese scorso:10875
Quest'anno:53253
Giornaliere max:2652
Mensili max:40198

LOGIN  

Tornado EF0 di Campodoro 13.9.2015


Un "tornado mesociclonico" quello comparso inaspettatamente in autostrada durante la caccia a un sistema temporalesco che aveva più sembianze da tempo "perturbato" che da supercella. L'inseguimento è iniziato da Montebello mentre la comparsa è avvenuta appena oltre la provincia di Vicenza, lungo l'autostrada A4. Questo il filmato dell vortice durato complessivamente 6 minuti circa, mentre qui il timelapse dell'intero inseguimento fino a Noale e Santa Maria di Sala, con la comparsa di un'altra wall cloud ruotante e un funnel cloud. Danni riscontrati in via Veneziana vicino Campopdoro, piuttosto contenuti ma sufficienti per classificare il fenomeno come tornado o tromba d'aria. La configurazione vedeva un campo depressionario centrato nel nord Atlantico, vicino all'Irlanda e proteso verso la Francia, mentre un cavo d'onda è visibile sul nord Italia in transito nelle ore pomeridiane. (Copyright © 2015 Meteociel.fr) nell'archivio che Moloch (ISAC-CNR) mette a disposizione, si trovano venti intorno ai 90Km/h sempre nei 500HPa, mentre al suolo compare un'area di convergenza nel Veneto centrale in spostamento verso il Friuli, lo stesso dicasi per la temperatura equivalente potenziale (Theta-e) a 950HPa, che mostra gli accumuli grosso modo sovrapporsi alle aree di convergenza. Nel "theta-e" si integra l'umidità atmosferica con la temperatura, un parametro rappresentativo dell'energia termoigrometrica presente in bassa troposfera.



Eco ad uncino da manuale nella riflettività radar fornita dal Centro Meteorologico di Teolo - ARPAV. A seguire la cella temporalesca vista nell'animazione satellitare di Sat24/Eumetsat/Met Office.





La nube a parete negli ultimi istanti prima del tornado.





La nube a imbuto poi evoluta in tornado.









Una testimonianza degli effetti al suolo è venuta da questi alberi ad alto fusto nei campi antistanti via Balla, visibilmente piegati e distanti non più di mezzo chilometro dal tornado. Lo scatto è avvenuto in autostrada da poco più di due chilometri di distanza.



Fase conclusiva di rope.









La wall cloud fra Santa Maria di Sala e Noale, probabile funnel cloud nella seconda foto.





La ricognizione dei danni avviene non senza difficoltà, vista anche la limitata estensione del path tornadico. Indispensabili le indicazioni fornite dalle persone del posto: scoperchiato di alcuni elementi un capannone di via Veneziana, una copertura per macchine agricole asportata e un albero divelto.

















Torna all'elenco

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Commenti (0)add comment

Scrivi commento

security image
Scrivi i caratteri mostrati


busy
© 2018 - livemeteo.it
   
| Giovedì, 21. Giugno 2018 |